top of page

CORSO DI SCRITTURA COME CURA DEL SE

Percorso narrativo-autobiografico rivolto a 22 pazienti.

Scrivere di sé è il modo più autentico per conoscere sé stessi.

E' un'emozione aperta, un viaggio che si costruisce mentre lo si attraversa, alla ricerca di sè e del proprio senso dentro all'esperienza di malattia e dei tanti cambiamenti che porta con sé.

Dare voce alla malattia significa mettersi in ascolto, far emergere le proprie ferite, dare forma al proprio vissuto interiore e medicarlo attraverso il potere ricompositivo e trasformativo della parola. Ma significa anche trovare nuove parole per raccontarsi e progettarsi, così come condividere per guarire dall’isolamento e dalla solitudine che spesso l’esperienza di malattia porta con sé.

Carosello Instagram, 5 idee da copiare con call to action finale - 2.PNG

L’8 marzo 2024 IMPERFECT entrerà nell’Ospedale Italiano di Lugano nel Centro di Senologia della Svizzera Italiana.

La Mission dell’Associazione è da sempre di parlare di malattia attraverso l’arte, esaltando il concetto di bellezza, di “perfezione dell’imperfezione”.

In questa giornata l’ente ospedaliero offre come ogni anno visite gratuite a tutte le donne e l’Associazione avrà l’onore e il piacere di fare due doni all’ospedale.

Il primo dono è un’opera del celebre artista svizzero Flavio Paolucci… il sogno di poter donare, come Associazione, opere d’arte è diventato infatti  realtà grazie alla collaborazione con Kromya Art Gallery di Lugano.

Durante la giornata di porte aperte avremo l’onore di ospitare l’artista
Flavio Paolucci e di regalare un corso gratuito di Kintsugi contemporaneo con Chiara Lorenzetti alle persone presenti.

Ringrazio di cuore Lucia Manganiello e il Dottor Lorenzo Rossi per aver da subito creduto nel progetto supportandolo calorosamente.

Per prenotare il corso scrivere al seguente link.

https://eventi.eoc.ch/cssi/giornata2024/formdjjgsj768_h_ph.php 

Prenotazione obbligatoria perchè i posti sono limitati.

 

PROGETTI 2023

Dopo il successo del muro di Milano, in via Ventimiglia grazie all'opera maestosa di Yuri Catania, realizzata grazie all'aiuto di più di 200 volontari, ho capito che non potevo fermarmi.

L'energia che si è creata è stata davvero potente e il muro stesso mi ha fatto incontrare persone speciali con cui sono nate nuove collaborazioni.

 

3 in particolare sono le donne che il muro mi ha fatto donato, Paola Albini con Natalia Piana e Chiara Lorenzetti.

Insieme a loro parte la sfida 2024 con nuovi progetti...

Per raccogliere fondi e poter realizzare i nostri sogni, ho pensato di organizzare insieme alle LADIES LUGANO, giocatrici di Hockey, una partita di beneficienza dove le LADIES giocheranno insieme a vecchie glorie del mondo dell'hockey.

La sfida sarà far giocare uomini e donne insieme, il messaggio che vogliamo dare è che è importante essere uniti per affrontare la malattia.

 

Grazie a questa partita l'associazione IMPERFECT vorrebbe regalare alle pazienti, agli ospedali e alla città un messaggio di speranza e di bellezza,

l'opportunità tramite le parole o le mani, di rimettere insieme pezzi di sè regalando a ....

 

22 pazienti un percorso narrativo autobiografico di 20 ore intitolato

"LA SCRITTURA COME CURA DEL SE"

condotto da Paola Albini e Natalia Piana

22 pazienti un corso di 20 ore di

"KINTSUGI, L'ARTE DI RIPARARE CON L'ORO"

con Chiara Lorenzetti, seguendo la tecnica originale giapponese

In contemporanea  proporre l'opera teatrale

"IL TALENTO DELLA MALATTIA"

di Paola Albini e Natalia Piana, tratto dalle storie di 15 pazienti oncologiche che hanno riscritto la loro storia grazie al percorso narrativo autobiografico 

 

Schermata 2023-01-10 alle 16.38.04.png

PROGETTO ARTISTICO IMPERFECT con YURI CATANIA

L’idea di IMPERFECT porta la firma di Giulia Ruggeri, mamma e osteopata, 42 anni, un marito e tre figli. La sua esperienza personale e la lotta contro un tumore al seno - è stata operata per un carcinoma mammario dal Dottor Pietro Caldarella, vicedirettore della divisione di senologia chirurgica dello IEO nell'aprile 2021 - l’hanno convinta a cercare di lasciare un segno positivo in cui si possano riconoscere tutte le donne che hanno vissuto il suo stesso percorso. È nata così l’idea di associare le cicatrici al Kintsugi, antica arte giapponese che utilizza l’oro per riparare la ceramica rotta. Da qui il contatto con il visual artist Yuri Catania che ha ritratto 22 corpi seminudi di donne che hanno vissuto un’esperienza oncologica, restituendone tutta la magnificenza e la bellezza femminile. I solchi, le cicatrici, i segni rimasti a seguito dell’intervento o degli interventi, vengono sovra dipinti dall’artista come in una performance a mano con vernice d’oro.

L’arte di abbracciare il danno, di non vergognarsi delle ferite, e di poter accogliere una nuova identità è la delicata lezione simbolica che questo progetto desidera comunicare. Le cicatrici altro non sono che segni di vita, tracce di esperienza, solchi unici e pregiati che trasformano  le donne che li portano in esseri speciali e carichi di una nuova bellezza.

Dall'imperfezione di una rottura nascono nuove forme di perfezione estetica superiori. IMPERFECT infatti si può leggere così o I’M PERFECT, con le lettere IM dorate a sottolineare questo concetto.

​Il kintsugi, l’arte di impreziosire i difetti​Il kintsugi (o kintsukuroi) è l’arte di riparare la ceramica utilizzando lacca urushi e polvere d’oro, argento o platino enfatizzando i difetti dell’oggetto anziché nascondendoli. Questa tecnica, evoluta nel corso dei secoli e ancora oggi apprezzata sia in Giappone che all’estero, è anche metafora di resilienza nel superamento di difficoltà ed esperienze dolorose, nonché un esempio di applicazione della filosofia del mottainai, ovvero dell’evitare gli sprechi e dare una seconda vita alle cose.

IM PERFECT

è un progetto fotografico ideato da una donna passata attraverso l’esperienza di un tumore al seno.Le fotografie di Yuri Catania ritraggono 22 donne operate per un tumore mammario. Yuri ritrae i corpi seminudi di queste donne, restituendone tutta la magnificenza e la bellezza femminile, qualunque essa sia. I solchi, le cicatrici, i segni rimasti a seguito dell’intervento, o degli interventi, vengono messi in risalto dall’artista in post produzione con vernice d’oro.Da qui il rimando all’arte del Kintsugi, pratica che permette -saldando i pezzi di ceramiche rotte con lacche dorate- di ottenere dall'imperfezione (o da una ferita) forme di perfezione estetica e interiore ancora maggiori.In psicologia, l'arte del Kintsugi viene spesso utilizzata come simbolo e metafora di resilienza.IMPERFECT / I M PERFECT introduce volutamente un gioco quasi enantiosemico, ove dall’idea di corpo o essere imperfetto (poiché lacerato, oggetto di intervento, “guastato”) passiamo all’idea di perfezione: una dichiarazione della propria Quintessenza. Le cicatrici altro non sono che segni di vita, tracce di esperienza, segni unici e pregiati che rendono le donne che li portano esseri divini e magnifici.

La Venere di Milo

simbolo incontrastato  di fascino e bellezza del Louvre di Parigi

La Venere di Milo è una delle sculture più famose della civiltà greca 
che incarna, per molti, l’essenza dell’eleganza e della sensualità femminile. 
La statua, in marmo, probabilmente risale al 130 a.C.

Venere di Milo Imperfect 22.png

Il progetto si delinea come strumento di elaborazione e ricostruzione di una nuova visione per i soggetti che ne saranno i protagonisti primi; come operazione artistica di alto valore estetico per chi ne fruisce.​Per tutti i soggetti coinvolti IM PERFECT vuole risvegliare e scuotere il pensiero profondo di bellezza/perfezione/ideale femminile, conferendovi l’intero suo valore attraverso la bellezza del ritratto fotografico e la metafora del Kintsugi.

PER SOSTENERE LE NOTRE INIZIATIVE DONA SUBITO:

Associazione IMperfect SVIZZERA
via Cantonale, Melano
IBAN: CH02 8080 8003 9527 6452 1
SWIFT-BIC RAIFCH22XXX

 

bottom of page